stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
Utenti con dislessia
logo del comune
Comune di Airasca
Stai navigando in : Territorio > Prima edizione - 2006
Airasca&Poesia - Concorso Nazionale di Poesia
Terza edizione - 2020/2021

La Biblioteca Comunale "Lilia e Telesio Montesello" indice la terza edizione del Concorso Nazionale di Poesia "Airasca&Poesia".
Questa nuova edizione si arricchisce di un premio speciale intitolato a Ezio Michelis, professore, per molti anni presidente del circolo culturale "La Cupe"

Qui di seguito il regolamento e il modulo di partecipazione



Documenti allegati:
REGOLAMENTO CONCORSO POESIA 2020-2021
MODULO DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO NAZIONALE DI POESIA
PIEGHEVOLE CONCORSO
MANIFESTO CONCORSO


Seconda edizione - 2007/2008

La seconda edizione del Concorso Nazionale di Poesia "Airasca&Poesia" ha avuto 600 partecipanti e la premiazione ha avuto luogo domenica 20 ottobre 2008.

I temi:
Tema libero
I miei sogni

I giurati:
Prof. Cavallo Paolo
Prof. Michelis Ezio
Prof.ssa Cordero Maria
Dott. Tacchino Danilo


POESIA VINCITRICE DELLA SEZIONE “I MIEI SOGNI” - SCUOLA PRIMARIA
GLI OCCHI DELLA LUNA

Le voci più care
si dissolvono nel nulla;
piano piano mi addormento.

I sogni mi portano in un mondo
che non c’è,
certe volte mi sveglio spaventato.
Sogno di essere in un castello
e sono prigioniero,
non c’è una via
che mi conduca a scappare.

Un lume gigante
viene dal buio:
è la luna piena
che anche nella notte
porta il chiaro,
sembra che si muova;
crateri i suoi occhi che si muovono
nell’unica direzione segreta
di quel buio,
spaventoso maniero nella notte.

Fabio Suriano


POESIA VINCITRICE DELLA SEZIONE “I MIEI SOGNI” - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
ALTALENA

La senti, è l’altalena in cui
mi facevi giocare da piccola:
è vuota, il vento la muove invano.

Cigola con speranza aspettando
che qualcuno ritorni a spingerla.

No, nessuno giocherà più
in quell’altalena,
ora che non ci sei più.

È abbandonata nel giardino,
intorno a lei crescono erbacce,
ma l’altalena
non dimenticherà il viso sorridente
di una bambina che tempo addietro
giocava felice spinta da te.

Alessandra Centomo


POESIA VINCITRICE DELLA SEZIONE TEMA LIBERO - ADULTI
ORA SUSSURRO

Cercherò fremiti
in fogli tremule
d’alberi non ancora spogli
e colori in cieli immensi
di paesi lontani,
attesa di chissà
quale brezza mattutina
e di tela nuova.

Cercherò onde
in acque cullanti
di marine turchine
e paradisi in volte stellate
di universi immaginari,
attesa di chissà
quale mare sognante
e di luce unica.

Cercherò parole
in pagine ricamate
di libri antichi
e note
in righi polverosi
di spartiti ingialliti,
attesa di chissà
quale favola reinventata
e di canzone melodiosa.

Cercherò… ma ora sussurro
in attesa di te!

Carla Colombo


POESIA VINCITRICE DELLA SEZIONE TEMA “I MIEI SOGNI” - ADULTI
SOGNO

Scalzo te ne vai
per il cielo alabastro
tra squille del mattutino.

E i tuoi passi incerti
al varco del giorno
s’apron silenti
le piaghe dell’esilio.

Elisa Fumagalli



Prima edizione - 2006

La prima edizione del Concorso Nazionale di Poesia "Airasca&Poesia" ha avuto 450 partecipanti e la premiazione ha avuto luogo domenica 22 ottobre 2006.

I temi:
Tema libero
Le nostre radici

I giurati:
Prof. Cavallo Paolo
Prof.ssa Sclarandis Carla
Scrittrice Ghigo Teresa
Dott. Tacchino Danilo


POESIA VINCITRICE DELLA SEZIONE “LE NOSTRE RADICI” - SCUOLA ELEMENTARE
LE NOSTRE RADICI

Le radici, un mare di ricordi
che navigano nei nostri pensieri.
Le radici, ricordi nuovi e antichi,
vagano nella nostra mente.
Le foto sono una cascata di ricordi.
Un fiume che scorre portando
origini e insegnamenti.
Un lago pieno di memorie:
la patria, gli antenati,
tante gocce che formano il lago.
Le sorgenti sono le origini
nella memoria di ognuno di noi. 

Mattia Stola e Davide Savino


POESIA VINCITRICE DELLA SEZIONE TEMA LIBERO - ADULTI
LA TERRA DI MIO PADRE

Nell’afa che al canto inchiodava
le gole di accese cicale
il corpo arrendevole al gesto dell’onda
falciava mio padre silenzi di grano.
Un punto era l’uomo nel campo
Lui pure linfa, argilla, umore, zolla.

Ah, quanto amavi padre quella terra
che liberava voli di ragazzi
leggeri come grappoli d’uccelli
ma a te soltanto il laccio di radici
gettava ad intricarti i passi e il cuore
gelosa lei di te, quasi un amante.

Tu ne auscultavi attento ogni respiro
e piano ti muovevi sopra il cuore
per non svegliarla al sonno dell’inverno
o ti facevi brezza a pettinare
il fieno di lunghissimi capelli
con nelle mani quasi una parvenza
di tenerezza volta ad una donna

Adesso le prode hanno seni pesanti.
C’è bisogno di te lungo i filari.
Ritorna padre al rito della vigna.
C’è da gettare il seme e ricoprirlo
ché non lo streghi l’occhio della luna.
Ritorna padre, germina col grano.

Ti avvertirò per caso da un sentore
(odoravano d’erba i tuoi ritorni
a riportare sere sulle soglie).
Mentre la brocca salirò dal pozzo
mi volterò e improvviso sarà un volto.
Un lampo: il lago nero dei tuoi occhi.

Mi insegnerai i segreti del silenzio.
Mi condurrai alla terra e mi darai
grandi le mani per aprirne il ventre.

Lorena Capecchi


POESIA VINCITRICE DELLA SEZIONE TEMA “LE NOSTRE RADICI” - ADULTI
DOVE SONO LE TEGOLE

C’è una sola tegola barcollante
sopra gli assiti
di putrido legno
roso dai tarli.
Qualcuno ha smantellato il tetto,
rubando i coppi
di quel casolare scheletrito
in cima al biondo poggio di grano.
Neanche le cicale friniscono al sole
nel silenzio delle pietre
dove i chiodi
appendevano speranze
e sudori di fronti
raccolti in lacere
coppole nere.
Il filo pende ancora nella trave
annusando nell’aria
il fraterno profumo
dei pomodori, dell’aglio
e dei gialli meloni
per riaccendere l’estate
quando le foglie cadranno.
Il portone marcito
lascia passare ogni spiffero di luce
coprendo tutti gli angoli bui
dei ricordi sbiaditi.
Un passero solo zampetta tra i legni
fuggendo impaurito.
Non sa che nella mia fionda
ora ci sono solo nostalgie.

Pietro Barbera



Comune di Airasca - Via Roma, 118 - 10060 Airasca (TO)
  Tel: 011.9909401   Fax: 011.9908282
  Codice Fiscale: 85002910017   Partita IVA: 02526680018
  P.E.C.: airasca@postemailcertificata.it   Email: protocollo@comune.airasca.to.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.Maggiori informazioni.